Wadi Rum e ‘una delle principali attrazioni turistiche della Giordania e il luogo preferito dai cineasti. E’ stato il luogo delle riprese di molti film di successo che hanno contribuito ad innalzare il profilo internazionale della bellissima regione montuosa del deserto del wadi Rum, che è ora patrimonio mondiale dell’UNESCO. Da cinque decade che si sono girati film in Giordania.

2000

Il labirinto di valli del wadi Rum formato da ripide rocce di colore rosso ha attratto troupe cinematografiche da quando Lawrence d’Arabia. Il suo straordinario paesaggio è stato persino usato per rappresentare il pianeta Marte. Nell’ ultimo decennio, è stata la location di film tra cui Transformers: Revenge of the fallen, e Gerry un film cult diretto da Gus Van Sant su due amici (Matt Demon e Casey Affeck) che si perdono nel deserto. In Prometheus il 2012, sequela della serie Alien del regista Ridley Scott, Wadi Rum torna sui nostri schermi. L’ avventura di fantascienza parla di una squadra di esploratori che scoprono un indizio sulle origini dell’umanità sulla Terra, guidandoli in un viaggio verso gli angoli più bui dell’universo. Come credito cinematografico per l’eredità’ cinematografica di Wadi Rum. C’è una scena in Prometeo in cui il personaggio principale David (Michael Fassbender) sta guardando Lawrence d’Arabia!

1990

Il film girati in Giordania negli anni ’90 includono Son of the Pink Panther. La star italiana Roberto Benigni sostituisce Peter Sellers come l’eroe comico, nel ruolo del figlio dell’ispettore Clouseau ’s sulle tracce di una principessa mediorientale rapita. I suoi capperi farseschi lo portano a Monte Carlo, Nizza e anche in Giordania, con luoghi tra cui le strette stradine secondarie dei Amman e Petra, l’antica citta ’rossa scavata nelle rocce del deserto della Giordania.

1980

Non sorprende che Petra, in quanto una delle nuove meraviglie del mondo sia protagonista in diversi film internazionali. L’attrazione turistica più popolare della Giordania è legata per sempre al film di Steven Spielberg del 1989, Indiana Jones e L’ultima crociata, con Harrison Ford nel ruolo del archeologo avventuriero degli anni ’30. Petra è la cornice perfetta per una trama dove Indiana è alla ricerca del misterioso Santo Graal prima che i malvagi nazisti lo trovino per prima. Il Graal non poteva avere una casa più adatta di quella del Tesoro di questa città perduta, scavata nelle rocce delle montagne di Giordania oltre 2000 anni fa.

1970

Gli effetti speciali che coinvolgono uomini che combattono mostri giganti in Sinbad e l’Occhio della Tigre sembrano non sofisticati nell’era odierna delle immagini avanzate generate al computer. Una scena di navi è stata effettivamente girata in un enorme serbatoio d’acqua in uno studio. L’azione dal vivo, tuttavia, è stata anche girata con uno sfondo di veri e propri castelli antichi, aree deserti e paesaggi marini situati in Spagna, a Malta e in Giordania. E sì il bellissimo tesoro di Petra viene usato ancora un’altra volta.

1960

Di nuovo da dove siamo partiti è lo splendore di Lawrence d’Arabia che risiede nei deserti e nelle scogliere mozzafiato di Wadi Rum. Vediamo anche il paesaggio di basalto nero di Jabal Tuwayq, vicino al confine con l’Arabia Saudita con la Giordania, mentre l’ingresso in cammello dello sceriffo Ali (Omar Sharif) utilizzava le distese di fango della tana. Tuttavia, alcune scene che affermano di essere la Giordania sono state effettivamente girate in Spagna. La città di Aqaba, ad esempio, è stata costruita su una spiaggia vicino ad Almeria.

Leave a Reply